Ricchissimo il programma della XVIII della Festa del Cinema di Porretta, che si prepara a riaccendere la voglia di cinema nella nota località dell’appennino bolognese dal 7 al 14 dicembre 2019. Tantissimi appuntamenti ed eventi imperdibili per gli appassionati di cinema ma anche per il grande pubblico. A partire dalla retrospettiva che celebra Abel Ferrara e che lo porterà a Porretta per tenere una masterclass e ricevere il Premio alla Carriera (domenica 8 dicembre).

Ma questa edizione non poteva non mettersi in prima linea nel ricordo di un grande rappresentante del nostro cinema, fortemente legato alla storia della cinematografica della città e al passato della Mostra del Cinema Libero di Porretta Terme. Infatti, il 6 dicembre 2019 cade il venticinquennale dalla scomparsa di Gian Maria Volonté, immagine icona del Festival 2019, per il quale a settembre è partita una campagna social per ottenere un Google Doodle a lui dedicato alla vigilia della manifestazione. Ed è a Gian Maria Volontè che viene dedicata anche una mostra fotografica con materiale ottenuto grazie alla conferma della collaborazione tra Porretta Cinema, Centro Sperimentale di Cinematografia e Cineteca Nazionale di Roma.

E ancora il Premio Nazionale Elio Petri, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2019, che ha non solo l’intento di promuovere la valorizzazione e la conservazione del suo patrimonio cinematografico ed audiovisivo, ma anche l’obbiettivo di riconoscere e premiare un’opera contemporanea in cui sia evidente, ma non necessariamente esplicito, il lascito della sua eredità autoriale, con  tematiche di denuncia sociale e politica in linea con il suo cinema, oltreché un originale uso del linguaggio cinematografico.

Paola Petri alla conferenza stampa tenutasi a Roma per la presentazione per Premio Petri FCP (Ph. Porretta Cinema)

Attesissimo il tradizionale Concorso Fuori Dal Giro, ogni anno sempre più ambito e riconosciuto, che porta a Porretta, una selezione di film che hanno avuto una minore distribuzione nelle sale, ma di altro valore cinematografico, presentati in sala dagli stessi registi o attori protagonisti.

La prima italiana del film Dance again with me Heywood! che vede la partecipazione del premio Oscar James Ivory e che sottolinea quanto il Festival stia diventando una manifestazione importante per presentare i propri film.
 
Infine la grande attenzione ai giovani con le proiezioni per le scuole dei film Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano CipaniLa famosa invasione degli orsi in Sicilia di Lorenzo Mattotti oltre all’incontro sui mestieri del cinema con un operatore del settore.

Mio fratello rincorre dinosauri (S. Cipani, 2019) è uno dei film scelti da FCP per le scuole

Tanti gli appuntamenti esclusivi come la proiezione di Broken di Edmond Budina, coproduzione tra Albania, Italia e Macedonia preceduta dall’incontro Cinema e cultura albanese e la presentazione del libro Il cinema di Francesco “Citto” Maselli di Giacomo Martini.
 
Da non dimenticare il rinnovo, per il secondo anno consecutivo, della sezione FCP incontro Sedicicorto, che rafforza il sodalizio tra il Festival porrettano e il Sedicicorto Forlì International Film Festival. Ogni sera, prima della proiezione serale, verrà presentata una selezione dei corti emiliano-romagnoli dell’ultima edizione della kermesse forlivese. Un ulteriore azione di entrambi i festival per il rafforzamento e la promozione degli autori e della cinematografia regionale.

Per la XVIII edizione della Festa del Cinema di Porretta si conferma anche la media partnership di Kontainer16. In attesa delle giornate del Festival, dal 7 al 14 dicembre, troverete sulla nostra rivista online vari contenuti di approfondimento di quello che vedremo a Porretta e seguiremo dal vivo tutte i suoi eventi.

di Joana Fresu de Azevedo