Il cinema d’autore torna ad essere protagonista in questa 2° edizione di Scolpire il Tempo, rassegna nata all’interno del progetto di Ibrida Festival delle Arti Intermediali a cura di Vertov Project, sotto la direzione di Francesca Leoni e Davide Mastrangelo. Due giornate per due film seguiti dall’incontro con gli autori al Cinema Multisala Astoria di Forlì. Un’opportunità, quindi, per far sì che lo spettatore possa confrontarsi con i registi e gli autori dell’opera.

Quest’anno, la rassegna è dedicata all’ibridazione tra cinema e teatro con due grandi registi della scena teatrale contemporanea: Cesare Ronconi e Marco Martinelli.
Martedì 19 novembre alle ore 21.00 verrà proiettato Proprio Destino di Cesare Ronconi e Martina dall’Ara. Un docufilm di 60 minuti, prodotto da Teatro Valdoca, che racconta vite di artisti che come le tessere di un puzzle si completano, attraverso interviste filmate tramite un antico banco ottico fotografico, con una particolare tecnica messa a punto da Ronconi. Il film è stato presentato in anteprima nella rassegna Ciò che ci rende umani 2018 ed è stato premiato nel 2019 alla Festa di Cinema del Reale di Corigliano D’Otranto (Lecce).

Cesare Ronconi e Martina dall’Araalla consegna del premio alla Festa del Cinema del Reale per Proprio destino (C. Ronconi-M. dall’Ara, 2018)

Martedì 26 novembre alle ore 21.00 sarà la volta di Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi di Marco Martinelli prodotto da Ravenna Teatro/Teatro delle Albe in coproduzione con StartCinema. Il film ripercorre, attraverso il racconto-evocazione di sei bambine, i venti anni agli arresti della leader della Lega Nazionale per la Democrazia in Birmania e Premio Nobel per la Pace. Un film d’arte, caratterizzato da un immaginario visivo originale e contemporaneo, che sa arrivare al vasto pubblico. Il racconto prende vita in un magazzino di costumi teatrali: lì una bambina si avventura, e da lì ci conduce in un Oriente gravido di cronaca politica intessuta a musiche e colori sgargianti. A una Aung San Suu Kyi interpretata con intensità da Ermanna Montanari, si alternano i ritratti burattineschi dei generali-dittatori, dei Nat-spiriti cattivi, dei giornalisti e inviati dell’Onu, dei comici ribelli perseguitati dal regime.

Ermanna Montanari in Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi (M. Martinelli, 2019)

I due film verranno proiettati al Multisala Astoria (via dell’Appennino 313, a Forlì).
Dopo la proiezione ci sarà un dibattito con gli autori.
Ingresso unico: 6 euro. Per informazioni, è possibile scrivere a vetrovproject@gmail.com o visitare la pagina dell’evento su Facebook.

di Joana Fresu de Azevedo