Da bella e sensuale attrice della commedia sexy italiana alla nonna di Metti la nonna in freezer di Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi, film di successo con un incasso di 3,3 milioni di euro, che gli è valsa nel 2018 la conquista di un Nastro d’Argento. Questa la carriera di Barbara Bouchet che si dipana in quasi 90 film tra cinema e televisione, ad iniziare da I guai di papà (1964) diretto da Jack Arnold con a fianco Bob Hope e Yvonne De Carlo. Era il periodo in America dove, lei cecoslovacca, si era trasferita entrando nel mondo hollywoodiano, dopo aver vinto un concorso di bellezza,  ed interpretando film con a fianco Divi del calibro di  Paul Newman, Robert Mitchum, Dean Martin, Gene Kelly, Marlon Brando tanto per citare alcuni.

02_MLNIF_Bouchet-696x464
Barbara Bouchet in Metti la mamma in freezer (Giancarlo FontanaGiuseppe Stasi, 2018)

La sua fortuna in Italia  avviene con Colpo rovente (1970) di Piero Zuffi, un giallo ambientato a New York  in cui riveste il ruolo della moglie di un ricco industriale implicato in loschi affari morto misteriosamente. Era agli esordi ed un suo nudo integrale contribuì a farla entrare  nello Star System di casa nostra.  Per la Bouchet,  un tour de force perché lavorava sei giorni alla settimana passando da una commedia sexy all’altra, con qualche incursione nel cinema di qualità come Per le antiche scale di Mauro Bolognini, un film drammatico dove è l’amante di Marcello Mastroianni , nelle vesti del professor Bonaccorsi, rinomato psichiatra che nel manicomio dove lavora svolge attività di ricerca sulla follia. Una nuova vita gliela dà Quentin Tarantino che la proclama sua musa ispiratrice, ottenendo cosi anche un ruolo in Gangs of New York (2002) di Martin Scorsese ed altri film che le hanno consentito di non essere più snobbata dalla critica. Il ritorno oggi al cinema è avvenuto ,appunto, con Metti la nonna in freezer con il quale lei spera di aver un rilancio nel cinema.

Non m’importa – ha dichiarato al recente “Cortinametraggio” dove era l’ospite d’onore – se mi fanno vecchia o brutta – e cita a tal proposito Charlize Teron nel film Monster l’importante è che sia un film vero, in  ruoli adatti alla mia età. Che non necessariamente debbano abbruttirla pensiamo noi, visto che a 73 anni, è  ancora di grande bellezza. “Il cinema per me – aggiunge Barbara Bouchet – è ancora affascinante.

barbara-bouchet-12.jpg
Barbara Bouchet sarà nel cast di Tolo Tolo, il prossimo film di Checco Zalone

Intanto gli impegni non le mancano, e sarà curioso vedere quali ruoli interpreterà. La rivedremo  prossimamente (è stato annunciato per il 25 dicembre, proprio il giorno di Natale), nel nuovo  film di Checco Zalone Tolo Tolo, che si sta girando in Africa, sul quale tiene la bocca cucita. Poi la vedremo nel  seguito di Milano, calibro 9 di Fernando Di Leo che sarà diretto da Tony D’Angelo ed interpretato da Marco Bocci, Ksenia Rappoport e Mario Adorf e in programma c’è il  remake  di Vacanze romane. Si chiamerà Rome in love e rivestirà il ruolo di una vicina di casa di Isabelle Connelly che nel film del 1953  di William Wyler è stato della deliziosa Audrey Hepburn, mentre nei panni  del giornalista americano che era interpretato da Gregory Peck ci sarà Peter Porte, attore newyorchese di soap opera. E non ci pensa nemmeno a cavalcare l’onda del successo facendo L’isola dei famosi:

Neanche per sogno! Già mangio poco normalmente, lì morirei di fame. Poi mi sono sempre presa cura della mia pelle e lì la farei arrosto. Inoltre, non nuoto, non riuscirei nemmeno ad arrivare all’isola, affogherei prima.

E non ha neanche la passione per il cibo. Anche se il figlio, Alessandro Borghese, è un grande chef.

Vuole continuare a fare cinema. “Mi dà carica e mi sento capace di tutto, anche di fare cose pazzesche”.

di Paolo Micalizzi