Quattro edizioni a Los Angeles  di Filming Italy creata e organizzata da Agnus Dei di Tiziana Rocca e Istituto Italiano di Cultura – Los Angeles. Un’iniziativa nata per portare l’attenzione degli addetti ai lavori hollywoodiani sul grande patrimonio cinematografico e culturale del nostro Paese attraverso i personaggi e i film che lo hanno reso unico ma anche attraverso i nuovi talenti. Con anche la Mission di  promuovere e favorire l’internazionalizzazione e il territorio italiano, quindi un’occasione importante di incontro tra diverse culture e  produzioni del mondo dell’audiovisivo.

Protagonista dell’edizione 2019, Claudia Cardinale che ha ricevuto il Filming Italy Best Carer Award e il The Harmonist 2nd Annual Excellenc Award, nonché il Los Angeles Creativity Award, quale riconoscimento all’eccellenza e creatività italiana apprezzata in tutto il mondo. Riconoscimenti importanti per un’ attrice, italiana di Tunisi, che si è rivelata, nel 1958,  nel ruolo della ragazza siciliana chiusa in casa dal fratello geloso nel film I soliti ignoti di Mario Monicelli e successivamente nel ruolo della servetta di Un maledetto imbroglio, tratto dal romanzo di Carlo Emilio Gadda Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, diretto da Pietro Germi, in quello della fidanzatina  del maggiore dei cinque ragazzi  del film Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti e che  affascinò nella figura  evocata, come mitico simbolo di puri sentimenti, in Otto e mezzo di Federico Fellini dando poi maggiore consistenza a personaggi che l’hanno imposta come una delle attrici  di maggior rilievo della nostra cinematografia  ed una delle rappresentanti più glamour del cinema italiano in tutto il mondo.

claudia-cardinale8-1000x600.jpg
Claudia Cardinale nel film Vaghe stelle dell’Orsa, di Luchino Visconti

Oltre ai registi citati, ha dato personaggi di  grande consistenza psicologica in  film , tra gli altri, di Valerio Zurlini, Citto Maselli, Damiano Damiani, Luigi Comencini, Liliana CavaniPasquale Squitieri del quale è stata la maggiore musa dei suoi film. Alla premiazione di Los Angeles era presente anche Gina Lollobrigida che era stata la protagonista dell’edizione dell’anno scorso. Un’altra eccellenza italiana nel mondo, una Diva che a oltre novant’anni conserva una grande vitalità e che sarà protagonista quest’anno del documentario The Last Diva di Giulio Base.

di Paolo Micalizzi