Splendido compleanno, all’insegna della musica, nel mondo del cinema. Il grande Maestro delle colonne sonore Ennio Morricone ha compiuto novant’anni.  Una vita quella di Ennio Morricone dedicata alla musica, dando al cinema alcune delle più belle colonne sonore della sua lunga Storia. Sessant’anni di carriera, qualificandosi come il più noto e prolifico compositore del XX secolo. La sua prima colonna sonora  risale al 1961 per Il federale di Luciano Salce,  film raccontato in chiave satirica. Vennero poi i western – spaghetti di Sergio Leone che segnano la sua fase più prestigiosa ed innovativa. Le musiche di Per un pugno di dollari, Il buono, il brutto e il cattivo, C’era una volta il West e C’era una volta in America lo hanno reso popolare in tutto il mondo, amplificando sentimenti ed emozioni.

Ennio Morricone
Ennio Morricone in una fotografia di Christian Muth (2015 – http://www.enniomorricone.org)

Ma alla sua musica devono molto anche autori come Pier Paolo Pasolini per il quale compone la colonna sonora di Uccellacci e uccellini (1966), Gillo Pontecorvo (La battaglia di Algeri, 1966 e Queimada, 1969), Bernardo Bertolucci (Partner, 1968 e La tragedia di un uomo ridicolo, 1981), Elio Petri (soprattutto Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, 1970). Ma anche  Sacco e Vanzetti (1970) di Giuliano Montaldo di cui è indimenticabile l’accorata Ballata cantata da Joan  Baez,  e poi tante e tante altre.  Firma  molte colonne sonore per Giuseppe Tornatore e ne nasce una sincera ed affettuosa amicizia da cui scaturisce un volume dedicatogli dal  regista siciliano che offre molti elementi di conoscenza del grande compositore romano. Importanti, e di grande prestigio, sono anche le colonne sonore per registi internazionali come Brian De Palma (Gli intoccabili, 1987), Roland Joffe (Mission, 1986).  Ha ricevuto premi in ogni parte del mondo, ed in particolare il Leone d’Oro alla carriera alla Mostra di Venezia del 1995 e l’Oscar alla carriera nel 2007 e quello per la colonna sonora del  western di Quentin Tarantino The Hateful Eight.

Oltre al cinema, la sua vita è stata la famiglia: ciò che c’è di più prezioso  nella mia vita è mia moglie Maria con la quale sono sposato da 62 anni, ha dichiarato nel giorno del suo novantesimo compleanno. Chapeau, Maestro Ennio Morricone.

di Paolo Micalizzi