Film di apertura del Shanghai international film festival sabato scorso è stato Animal World, del regista Yan Han
Il giovane protagonista Kaisi Zheng (Yifeng Li), è un giovane che per sbarcare il lunario fa il clown in una sala giochi.
In bolletta perenne, spesso si fa prestare i soldi dall’infermeria (Dongyu Zhou), amica di infanzia, e fidanzata non dichiarata che lo aiuta ad accudire la madre durante i propri turni in ospedale. Kaisi contrae, a sua insaputa, un debito per diversi milioni, dopo essersi messo in affari con il suo migliore amico dell’infanzia (Bingkun Can), il quale però ha perso tutto e ora è braccato dagli strozzini. Per ripagare i propri debiti e pagare le spese dell’ospedale per sua madre in stato di coma, decide di accettare l’invito che gli hanno fatto gli stessi strozzini: imbarcarsi su una nave chiamata “Destiny” che salperà per acque internazionali e giocarsi, letteralmente, la possibilità di riscattare il proprio debito.
Il misterioso gioco è con le carte sulle quali sono disegnati “sasso, carta, forbice”, ogni giocatore ha tre stelle che può perdere o vincere ad ogni scontro. L’obiettivo è semplice alla fine delle 4 ore di gioco occorre avere 3 stelle e non avere più carte in mano. Se no, si viene eliminati.
Kaisi è un ragazzo semplice, d’animo idealista e molto dotato per la matematica. Sulla nave ritroverà l’amico che l’ha messo nei guai con il quale decide di stringere un’alleanza nonostante lo avesse imbrogliato. Ma troverà sfidanti e nemici di tutte le nazionalità  con i quali può comunicare grazie a un sistema auricolare di interpretazione simultanea. I suoi due principali antagonisti saranno in particolare un connazionale (interpretato da Ke Su) e l’italiano Luca (interpretato da Alberto Lancelotti).
Lo svolgersi del gioco sembra una metafora della società moderna in cui ciascuno persegue i propri interessi personali, senza morale né vere alleanze. In cui la differenza tra ricchi e poveri è netta e dove la competitività mette a dura prova anche amicizie di lunga data. Chi è troppo sicuro di sé e lo ostenta perde, occorre utilizzare dei sotterfugi per poter uscire indenni dalla mischia.
Nonostante Kaisi riesca a salvarsi e a tornare dalla madre e dalla fidanzata un nuovo quesito lascia lo spettatore in sospeso: il capo degli strozzini (Michael Douglas) lo va a cercare e svela di conoscere il padre del ragazzo, il quale è rimasto orfano molto giovane in circostanze che lo stesso Kaisi non riesce a mettere a fuoco nella propria memoria. Speriamo che il sequel non si faccia attendere troppo e che sia all’altezza delle aspettative visuali a cui il regista ci ha abituati.
Il film è un misto tra azione, thriller e fantasy con uso di effetti speciali quando la mente del protagonista vaga e si immagina vestito da clown a combattere contro dei mostri negli abissi della metropolitana dai quali fa fuoriuscire un sangue blu.
Il regista ha adattato il film dal manga giapponese Ultimate Survivor Kaiji di Nobuyuki Fukumoto.
Han Yan, anno 1983, originario di Jinan nello Shangdong, ha iniziato la sua carriera di regista nel 2002, molti dei suoi cortometraggi hanno ricevuto riconoscimenti in festival internazionali. Nel 2015 la tragicommedia Go away Mr Tumor ha avuto un grande successo al cinema ed è stato selezionato per concorrere come miglior film in lingua straniera all’88 edizione degli Oscar.
Qui potete trovare il trailer del film Animal World

Di Clara Longhi